logo


Dulcamara, l’archetipo dei politici nelle democrazie di massa moderne.

Il personaggio di Dulcamara, messo in musica dal genio di Donizetti, rappresenta il ciarlatano per eccellenza. Il suo ingresso nel I atto dell’“Elisir d’amore”, con la celebre aria “Udite, o rustici”, è spettacolare, e consigliamo a tutti di ascoltarlo più volte, magari con davanti il
Leggi tutto →

Psicopatologia della vita quotidiana cantata da Giorgio Gaber: “La paura”

“E camminando di notte nel centro di Milano semideserto e buio, e vedendomi venire incontro l’incauto avventore, ebbi un sobbalzo nella regione epigastrico-duodenale che a buon diritto chiamai paura…”. Si inizia così questa piccola perla del teatro canzone di G
Leggi tutto →

Letture incrociate: Vincenzo Bellini e Johnny Cash

Il tema dell’amore perduto è indubbiamente rappresentato nell’arte in modi pressoché infiniti. E’ peraltro altrettanto vero che si possono riconoscere alcuni filoni tematici privilegiati. Due spiccano per la loro polarizzazione che riecheggia la distinzione freudiana
Leggi tutto →

Filippo II nel Don Carlo di Verdi, la paranoia del potere

Il Don Carlo è un’opera di Verdi che affronta molteplici tematiche, tra cui spiccano il rapporto padre-figlio (Filippo II-Don Carlo), e lo scontro tra due diverse concezioni della politica, quella del Marchese di Posa, favorevole a un’apertura alle autonomie locali, e quel
Leggi tutto →

Letture incrociate: Alda Merini e Giorgio Gaber

“L’altra verità. Diario di una diversa” è un libretto di Alda Merini pubblicato inizialmente dalla raffinata casa editrice Scheiwiller, e ristampato in seguito da Rizzoli, sconosciuto ai più. Come scrive Giorgio Manganelli: “Il Diario di una diversa di Alda Mer
Leggi tutto →

4 ottobre 1909: Arnold Schönberg e Marie Pappenheim, ‘Erwartung’

Il 4 ottobre del 1909 viene completata la partitura di ‘Erwartung’ op. 17, monodramma musicale in un atto per soprano e orchestra composto da Arnold Schönberg su libretto di Marie Pappenheim, medico e psichiatra. Come ricorda Massimo Mila nella sua “Breve storia dell
Leggi tutto →

La depressione vista da Roberto Vecchioni: “Momentaneamente lontano”

Esce nel 2004 il disco di Roberto Vecchioni “Rotary Club of Malindi”, dopo un periodo difficile e ‘buio’ nella vita del cantautore milanese. Al suo interno è contenuta questa canzone, una piccola gemma poetica che riesce ad esprimere gli aspetti più dolorosi e
Leggi tutto →