Sta per uscire per i tipi di Raffaello Cortina un inconsueto libro di Eric Kandel, premio Nobel per la medicina grazie alle sue ricerche sulle basi fisiologiche della conservazione della memoria nei neuroni. Il lavoro, dal titolo “L’età dell’inconscio”, promette di essere affascinante, rappresentando un viaggio di un importante neuroscienziato, più avvezzo nel nostro immaginario a provette e laboratori, nella Vienna di Sigmund Freud, Gustav Klimt, Oskar Kokoschka, Egon Schiele, dove una svolta culturale di straordinaria importanza ebbe luogo all’inizio del secolo scorso, influenzando profondamente il nostro modo di intendere la mente.